Scarda

19C-1024x682Avere solo 26 anni ma sentirli tutti, temere il momento in cui bisognerà abbandonare gran parte dei divertimenti per sostituirli ai doveri. È questo il tema prevalente (anche se non l’unico) dei brani di esordio di un giovane cantautore calabrese, divenuto un micro-caso, grazie al tam-tam sui social network che ne ha fatto girare i brani un po’ in tutto il Paese.

Parliamo di “Scarda“, alias Domenico (Nico) Scardamaglio, cantautore che con una formula molto semplice – voce e chitarra – una visione pessimistica e ironica della vita quotidiana, narra storie comuni, di persone che per vari, quanto diffusi, motivi si trovano a star male con se stesse e con il mondo circostante.
Scarda vive attualmente a Roma, dove ancora studia. La sua musica è riconducibile alla corrente indie-pop, che non di rado esprime il malessere diffuso di una generazione che non fa bei pensieri quando pensa al futuro. Alla domanda sulla scelta del suo nome d’arte, perché avesse scelto proprio “Scarda”, si fa una risata e dice egli stesso di averlo scelto con molta leggerezza, era l’abbreviativo con cui lo chiamavano (e lo chiamano tuttora) in confidenza alcuni suoi amici.

Nel Marzo del 2012 Scarda registra una “demo” casalinga e la carica sul web: le sue canzoni piacciono e iniziano i primi concerti nei locali. Grazie al passaparola dopo poco meno di un anno le sue canzoni arrivano per caso alle orecchie del giovane regista Sydney Sibilia che sta per iniziare le riprese della sua opera prima, “Smetto quando voglio” e che chiede a Scarda di scrivere un brano sulla base dell’ultima stesura del copione. Il brano diventa la title song ufficiale del film e riceve una nomination ai David Di Donatello nella categoria “Miglior canzone originale“. Tutto il resto è storia recentissima, un nuovo singolo dal titolo “Io lo so” e ora il suo disco d’esordio “I piedi sul cruscotto“.  Album che racconta tante storie. Come “Gina“, storia di una ninfomane dal cuore gentile, che sogna la sua storia d’amore li dove nessuno è disposto a concedergliela, o “Michele è matto“, brano su un uomo così concentrato sul ricordo della donna che lo ha lasciato, da cominciare a non distinguere più quest’ultimo dalla vita presente. Scarda racconta con semplicità la quotidianità: la tristezza di chi ogni giorno va a fare un lavoro che non gli piace (“Depressione aziendale“) o l’originale rivisitazione in chiave interiore di un tipico fatto di cronaca; l’uccisione della ex (Sarà bellissimo però).
fb_icon_325x325   logo_amo   download  soundcloud


Ritorna al Programma del 2015

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...