Progetto Adottato ’15

I fondi che verranno raccolti contribuiranno a sostenere il Centro chirurgico e pediatrico di Goderich in Sierra Leone, nel continente africano.
La Sierra Leone è uno dei paesi più poveri del mondo: oltre tre quarti della popolazione vivono con meno di 2 dollari al giorno. Il Paese risente ancora della sanguinosa guerra civile che tra il 1991 e il 2002 ha fatto più di 75.000 morti, mezzo milione di sfollati e un numero imprecisato di persone ferite o mutilate e distrutto tutte le infrastrutture.
Il tasso di mortalità infantile è altissimo (174 decessi ogni 1.000 nati vivi, 43 volte quello italiano) ed è determinato principalmente dalla diffusione di patologie facilmente curabili se intercettate in tempo ma spesso trascurate a causa dei costi delle cure o delle difficoltà nel recarsi in un centro sanitario. Come se non bastasse nel 2014 la Sierra Leone è stata colpita da un’epidemia di Ebola. Per far fronte a questa emergenza, a settembre Emergency ha aperto un Centro per la cura dei malati di Ebola a Lakka, a pochi chilometri da Freetown in una struttura messa a disposizione dal ministero della Sanità locale. Inoltre da dicembre gestisce un centro di 100 posti letto messo a disposizione dal governo inglese per far fronte a un’epidemia devastante.

4

Il Centro di Goderich
è stato ampliato nel 2002 con la costruzione di un ambulatorio pediatrico e nel 2003 con l’apertura di una corsia medica pediatrica da 20 posti letto per il ricovero dei pazienti più gravi.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, in Sierra Leone il 21% dei bambini con meno di 5 anni è sottopeso. Il tasso di mortalità entro i 5 anni di età è di 194 decessi su 1.000 nati vivi. Le principali cause di mortalità nei bambini minori di 5 anni sono la polmonite (25%), le patologie neonatali (22%), i disturbi gastrointestinali (20%) e la malaria (12%). Meno del 2% dei bambini con meno di 5 anni dorme in letti protetti da zanzariere e il 39% dei bambini affetti da malaria non è curato con farmaci adeguati.

Il Centro pediatrico funziona sei giorni alla settimana per 7 ore al giorno; negli orari di chiusura, i casi urgenti vengono visitati nell’ambulatorio chirurgico dell’ospedale.
Sono mediamente 1.300 i bambini curati ogni mese.
Lo staff del Centro pediatrico è impegnato anche sul fronte della prevenzione: dal 2005 è attivo un programma contro la denutrizione che – oltre alla cura dei bambini – prevede il coinvolgimento delle madri in corsi di igiene e di corretta alimentazione.

Presso l’ambulatorio è attivo un programma per il monitoraggio del peso dei bambini, che prevede anche attività di educazione igienica e nutrizionale rivolta alle famiglie.
Il Centro dispone di una foresteria per accogliere parenti e accompagnatori dei pazienti che arrivano da lontano.

sierra

 Ritorna a Edizione 2015

Annunci