Davide Tacchini

c0d63a6c3090b06e41820377805be46f_w250_h_mw_mh_cs_cx_cyDottore di ricerca in Scienze religiose presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, è Cultore della materia in Lingua e Letteratura araba e Islamistica presso la medesima università. Membro del comitato scientifico del Centro interuniversitario Culture, Diritti e Religioni – Fidr e responsabile per l’Italia e lo Stato pontificio del progetto “Christian-Muslim Relations, a Bibliographical History” dell’Università di Birmingham, U. K. È autore di numerose pubblicazioni sui rapporti fra l’Islam e il cristianesimo, sul radicalismo islamico e sull’Islam in Occidente, fra cui ricordiamo Islam e Integrazione in Italia (con A. Angelucci e M. Bombardieri, 2014).

Radicalismo islamico
con il diario del soggiorno americano di Sayyid Qutb

Dall’analisi della storia musulmana e dei suoi rapporti con l’Occidente negli ultimi due secoli, Davide Tacchini descrive come, a seguito della traumatica campagna di Napoleone in Egitto, si siano sviluppati quei movimenti di Risveglio, Riformismo e Radicalismo che hanno portato l’Islam alla presa di coscienza della propria arretratezza e al rifiuto del colonialismo occidentale.
Figura emblematica della fase del Radicalismo è l’intellettuale egiziano Sayyid Qutb. Giovane funzionario inviato in America nel 1948 per studiare la pedagogia moderna, Qutb rimane sconvolto dall’impatto con la società statunitense e raccoglie in un diario le sue riflessioni sui comportamenti e sulle concezioni degli americani riguardo a famiglia, sessualità, pratiche religiose. Nasce così L’America che ho visto, lo scritto sul quale il mondo islamico ha costruito il proprio immaginario dell’Occidente, e che segna la svolta radicale di Qutb. Rientrato in Egitto, egli ipotizza il ritorno al “puro” Islam delle origini, sia come via per risolvere i problemi del mondo musulmano sia come salvezza dalla barbarie per l’umanità, e diviene il punto di riferimento dei Fratelli Musulmani.
Il diario, tradotto integralmente e per la prima volta in una lingua occidentale, commentato e contestualizzato da Tacchini, costituisce un tassello di particolare importanza nella conoscenza, sempre più urgente, del pensiero fondamentalista islamico.

Ritorna al Programma del 2016

 

Annunci